Miniera di Zolfo di Cabernardi   Foto storica Miniera di Cabernardi
La miniera di zolfo
Museo della miniera di zolfo
Parco museo minerario
Parco archeo minerario
Lo zolfo e Carbernardi
 
Il Comune di Sassoferrato
Cartine della zona di Sassoferrato... come arrivare
Eventi a Sassoferrato
Link interessanti
 
LA VITA
 
IL LAVORO NELLA MINIERA

Nel periodo principale della sua vita, cioè fra le due Guerre Mondiali, nella miniera di Cabernardi e Percozzone il lavoro era organizzato secondo turni ad orari sfasati. All'interno della miniera la sfasatura consentiva i diversi interventi di "brillatura" delle mine visto che, effettuarli contemporaneamente, sarebbe potuto risultare pericoloso.

Un operaio alla manovra della gabbia del pozzoI primi due turni (4-12 e 5-13) vedevano in attività soprattutto i minatori veri e propri, che rappresentavano la figura di lavorante più autorevole; il terzo (6-14) era prevalentemente occupato dai caricatori del materiale scavato.
Vi erano poi turni pomeridiani (14-22) e notturni (22-6) durante i quali l'attività riguardava soprattutto la realizzazione di interventi di riparazione e interventi necessari per mantenere condizioni di lavoro ottimali.
All'interno della miniera il maggior numero di lavoratori era rappresentato dai minatori (al minerale e allo sterile) ma molte altre persone svolgevano altre mansioni, con "mercedi" giornaliere diverse. Vi erano infatti carreggiatori e riempitori, ricevitori, armatori, manovratori argani, sorveglianti, muratori e manovali,...

I lavoratori della miniera operavano all'interno seminudi, date le condizioni esasperanti di caldo e umidità, mentre dall'esterno veniva portata acqua in apposite fiasche per reintegrare i liquidi. In genere gli addetti non uscivano dalla miniera durante il turno di lavoro e stando sul posto consumavano un pasto frugale a base di pane e companatico più, di solito, mezzo litro di vino.
All'esterno della miniera il turno principale (6-14) occupava in prevalenza operai addetti alla distribuzione del minerale nei calcaroni e nei forni Gill; vi erano inoltre turni di "spinatori" e altri operai.

un operaio al lavoroSe le condizioni di lavoro all'interno della miniera erano particolarmente pesanti, anche a seguito del condizionamento psicologico derivante dal fatto di trovarsi per lungo tempo a centinaia di metri di profondità e senza luce naturale, non molto più tranquilla poteva ritenersi l'attività in superficie, a causa dei vapori prodotti nella lavorazione dello zolfo. Inoltre le discariche del materiale trattato facevano innalzare in modo innaturale la temperatura nell'area circostante. La maggior parte delle assenze per malattia era infatti provocata da complicazioni alle vie respitorie.

A differenza di quanto avveniva all'interno, in superficie era presente in abbondanza la manodopera giovanile, addetta per lo più a mansioni semplici. Vi erano anche attività non strettamente legate all'estrazione di zolfo, come officine di riparazione, uffici, un'infermeria...

Nel 1943 veniva istituita una regolare mensa dalla ditta Montecatini e così entrarono a lavorare anche molte donne.

Un mulo all'interno della galleriaIn miniera era inoltre comune l'impiego di animali (in particolare cavalli, muli e somari per trainare i vagoni di minerale) che alloggiavano in stalle sotterranee.

la vita - pag. 2

 

english version
 
EVENTI

PALIO DELLA MINIERA DI ZOLFO 2016
dal 7 al 14 Agosto

> dettagli e programma

ORARI VISITE

> VEDI ORARI

 

INFORMAZIONI
Museo della
Miniera di Zolfo
Cabernardi (Ancona)
 
 
Associazione culturale
"LA MINIERA"
 

+39 0732 975018

Mob. 333 3239363
Mob. 347 8358831
Mob. 329 0737105

email

 

IAT Sassoferrato
Happennines soc.coop.
Piazza Matteotti, 5
Sassoferrato (AN)

+39 0732 956257

Mob. 333 301732

email

 
COMUNE SASSOFERRATO
Ufficio Turistico
+39 0732 956231-232
 
Segreteria
+39 0732 956205
+39 0732 956218
 
email